top of page

Trucchi per aumentare la resa delle tue piante di cannabis


L’ambizione di ogni coltivatore che si rispetti è quella di ottenere maggiori rese, fiori voluminosi e compatti. Per fare ciò vi invitiamo ad approfondire e seguire questi semplici consigli.


DIARIO DI BORDO

Prima di elencarvi questi trucchi da eseguire per migliorare i vostri raccolti, ci teniamo a ricordare che l’esperienza rimane uno dei fattori fondamentali per essere un ottimo coltivatore ed avere risultati eccezionali.

Osservare le nostre piante e utilizzare tecniche di vario genere annotando il tutto in un diario, vi permetterà di far tesoro dell’esperienza evitando di ripercorrere gli stessi errori in futuro.


TUTORAGGIO

In alcuni casi soprattutto con piante grandi in esterno la pianta potra aver bisogno di un sostegno al fusto con un palo in legno o bamboo. Questo farà in modo che il peso della pianta stessa non finirà per danneggiarla, senza correre il rischio che si spezzi.


TRAINING

Le tecniche di training della pianta si dividono in LST ( low-stress-training )

e HST ( high-stress-training ) vediamole per ordine :


LST ( low-stress-training )

Queste tecniche vanno ad incidere con uno stress lieve, per questo motivo sono le più indicate a coltivatori inesperti che vogliono iniziare a sperimentare un po di più con le loro piante.

- Tie-Down

Consiste nel piegare il ramo della pianta verso il basso fissandola con un filo ad uno dei bordi del vaso . In questo modo i rami sottostanti avranno un’esposizione migliore alla luce e saranno in grado di sviluppare fiori più massicci.

- Screen of Green (ScrOG)


Consiste nel fare crescere la pianta al di sotto di una rete orizzontale, in modo tale da poter direzionare comodamente i rami nel modo che si desidera, facilitando l'esposizione di tutti i prefiori alla luce.

- Sog

Consiste nel far crescere tante piante di piccole dimensioni in piccoli vasi l'una accanto all'altra.

Anche se il rendimento di ciascuna pianta sarà significativamente inferiore, la resa per metro quadro sarà notevolmente più abbondante rispetto a delle piante coltivate senza training.


HST ( High-Stress Training )

Questo insieme di tecniche provocano un certo danno alla pianta, ed è per questo che sono più indicate per coltivatori di medio e alto livello.

- Cimatura

Tagliando via l’estremità della pianta, si otterranno 2 getti durante la ricrescita. Questa tecnica si può applicare all’estremità di ogni ramo, tenero sempre in considerazione che questo comporterà sempre un rallentamento della crescita. Una variante di questa tecnica è il FIMMING che consiste nel tagliare via solo il 75% dell’estremità della pianta e questo farà in modo che ricresceranno 4 nuovi getti.

-Main-Lining


Consiste nel potare la pianta fino dall’estremità fino al terzo nodo e tagliare tutto quello che si trova al disotto , dopo di che si legano i rami restanti verso il basso. Questo farà in modo che la pianta genererà 8 cime principali anziché 1 . Bisognerà tenere in considerazione che la pianta dovrà rimanere molto più a lungo in fase vegetativa per riprendersi.


VASI PIU' GRANDI

L'utilizzo di vasi piu grandi permettera uno sviluppo maggiore delle vostre piante. Considetare questo fattore in base allo spazio che si ha a disposizione per coltivare.


AIR POT E SMART POT


L'utilizzo di questo tipo di vasi in tessuto permette una migliore traspirazione dele radici che saranno piu sane e assimileranno meglio i nutrimenti. Questo porterà inevitabilmente ad una maggiore resa.


AUMENTARE LA POTENZA DELLE LAMPADE

Aumentare i watt delle vostre lampade di conseguenza aumenterà anche il processo fotosintetico delle vostre piante. Un consumo di corrente maggiore sarà sicuramente più dispendioso ma porterà i suoi risultati.


DEFOGLIARE

Eliminare le foglie ingiallite o che rimangono all’ombra farà in modo tale che i principi nutritivi si concentreranno su le parti più esposte alla luce. Effettuare questa pratica esclusivamente in fase di fioritura, potare foglie in vegetativa comporterà solo un rallentamento dello sviluppo della pianta .


ILLUMINAZIONE LATERALE


Negli impianti indoor la luce è direzionata solo dall'alto, per questo esistono lampade laterali che istallate correttamente porteranno la luce a tutta la pianta rendendo le cosidette cimette "po-corn" piu grandi e compatte.


CONTROLLO CLIMATICO

La temperatura ideale per le nostre piante di cannabis e tra i 21-29°C a luci accese e tra i 14-21°C a luci spente . Un altro fattore da tenere in considerazione è l’umidità che deve essere intorno al 70% in fase vegetativa e 50% in fase di fioritura. Mantenere questi parametri faciliterà lo sviluppo della vostra pianta in maniera corretta. Temperature troppo calde o troppo fredde, recheranno stress alla vostra coltivazione indebolendo le gravemente le vostre piante.


AGGIUNTA DI CO₂

Le nostre piante respirano CO₂ durante il giorno accumulando energia.

L’immissione di CO₂ rilasciandola nell’aria o inserendola nella soluzione nutritiva porta a uno sviluppo maggiore della pianta e di conseguenza aumentare le rese.


CONCIMAZIONE


Le piante di cannabis prevedono specifici nutrienti per ogni fase del ciclo di crescita. Nella fase vegetativa la pianta richiede un apporto di AZOTO alto / FOSFORO medio / POTASSIO medio-alto . Nella fase di fioritura : AZOTO basso / FOSFORO medio / POTASSIO alto. Si può inoltre aggiungere fertilizzanti a base di zolfo e magnesio per migliorare la salute della pianta. Una scarsa fertilizzazione e allo stesso tempo una eccessiva possono provocare danni irrecuperabili alle nostre piante. Un’altro aspetto da tenere presente è la MISURAZIONE DEL PH, la nostra erba predilige un terreno acido che è idealmente tra il ph6 e il ph7, controllare e modificare il ph della terra e dell’acqua permette alle nostre piante di assimilare tutti i nutrimenti che somministriamo nel modo corretto.


COLTIVARE IN IDROPONICA

Avete coltivato con successo in terra ? Bene! ora potete approcciare ad un impianto idroponoico, questo vi permetterà di aumentare le rese di un buon 20% e velocizzare di un pochino il vostro tempo di raccolta. Ricordiamo pero che la coltivazione idroponica richiede un'attenzione maggiore ai parametri, con questo sistema gli errori si pagano molto in fretta, rischiando cosi di danneggiare gravemente la pianta in maniera definitiva.

Consigliamo di intraprendere questa tecnica solo a coloro che intendono dedicarsi a pieno ai procedimenti e ai parametri da rispettare.


RACCOLTO

Spesso si ha la smania di raccogliere i nostri fiori troppo presto, saper riconoscere i tempi di maturazione del fiore e portare pazienza ci permetterà senz’altro di raccogliere volumi più consistenti.


IL DRUIDO












0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page